Notiamo che di sei Patroni dell’Europa, 5 sono monaci o monache, di differenti Ordini. Che cos’è un monaco, che cos’è un monastero? E’ un luogo dove si raggruppano insieme uomini o donne che cercano Dio, vale a dire il senso e il fine della loro vita; e a partire da questa ricerca, si sforzano di costruire un modo di vivere più umano, più giusto, aperto a tutti.

L’Italia è disseminata da resti di monasteri benedettini, attorno ad alcuni dei quali si sono formate città; molti di questi ancora vivono, altri sono spariti, altri nascono ancora oggi.

Scrive dom Guillaume Jedrezjack, Presidente della Fondation des monastères (Francia):

«Quando le persone arrivano per la prima volta nelle nostre abbazie sono sempre stupite e ci chiedono, con un pizzico di invidia, e talvolta anche con un po’ d’irritazione, perché i monasteri sono sempre costruiti in luoghi così belli. Ma dimenticano di chiedersi se questi luoghi, lontani dalle strade e dalle città, sono stati scelti perché erano belli o se lo sono diventati grazie all’attività e alla creatività dei monaci. In effetti, il volto dell’Europa è stato modellato da migliaia di monasteri che hanno cambiato la sua fisionomia con un lungo e paziente lavoro di disboscamento, di irrigazione, di scolpitura della roccia e dissodamento della terra. Di una natura selvaggia e disordinata, i monaci hanno fatto un giardino dove, ancora oggi, fa piacere passeggiare. Coloro che rimangono estasiati davanti alla bellezza dei nostri boschi e delle nostre foreste, dimenticano spesso che questa natura addomesticata, così come noi la conosciamo, è il frutto di un lungo e paziente lavoro di artigiani e contadini che hanno saputo addolcire e dominare la sua violenza originaria per farle portare frutto: trenta, sessanta, cento volte tanto. Dietro la poesia delle curve delle nostre strade e delle ondulazioni delle nostre campagne, ci sono secoli di lavoro assiduo e anonimo, il cui unico progetto era di rendere fecondo ciò che era incolto, di mettere al servizio della vita ciò che le era ostile».

Sono righe che esprimono bene il lavoro cristiano e il lavoro monastico, l’animo della nostra cultura europea e italiana, specialmente benedettina. Il nostro scopo, prima ancora che il realizzare delle opere, o meglio, unitamente alle modeste opere che stiamo iniziando, è quello di farvi conoscere ed amare, a poco a poco, questa realtà.

  • Sostegno economico sporadico a 2 Comunità
  • Sostegno a una eremita – lavori di ristrutturazione
  • Sostegno a una nuova impiantazione monastica: lavori di ristrutturazione-miglioria; mensile di supporto
  • Sostegno ad alcune monache costrette a lasciare i loro monasteri indipendentemente dalla loro volontà

Non si precisano i destinatari degli aiuti per motivi di riservatezza.

Al sostegno economico si affianca un sostegno  fraterno-logistico-pastorale che varia secondo le circostanze, le domande, le possibilità.

Articoli correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie tecnici da parte nostra. Non utilizziamo cookie di terze parti. INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi