Il cuore da cui ogni nostra attività nasce

In questo mondo fugace e passeggero a volte bisogna fermarsi e scegliere i passi da fare per costruire nei nostri brevi giorni qualcosa che resti, qualcosa che sia di profitto non solo per noi ma anche per i nostri fratelli. Ci siamo fermate, abbiamo riflettuto sul passato con lo sguardo rivolto al futuro e abbiamo preso alcune risoluzioni, abbiamo venduto la casa in città, che non era indispensabile, abbiamo fatto i conti prima di partire con un progetto che assorbirà tutte le nostre energie e supererà le nostre risorse, ma che è essenziale per il quadro in cui è inserita la vita della nostra Comunità “Nostra Signora Regina della Pace”. Negli anni passati abbiamo aiutato il popolo di poveri e rifugiati di guerra ad avere una casa. Con l’aiuto di amici italiani abbiamo costruito per loro anche dopo-scuola, mensa, scuole e posti medici tra i villaggi devastati dai conflitti.

Ancora oggi con i contributi di persone buone diamo il pranzo ai bambini di 7 villaggi vicini al Monastero;  con l’aiuto prezioso del gruppo Muratello si è dato al villaggio di Tchilonga un collegio per 40 bambine; vicino al Monastero è nata una casa di accoglienza per giovani e una torre con 3 stanze per pellegrini di passaggio…

Nel frattempo il nostro Ordine ci ha aiutate a costruire il Monastero definitivo, garanzia di una presenza orante e vigilante sulle necessità umane e spirituali di vicini e lontani.

Adesso siamo all’ultimo traguardo e tutte noi e quelli che ci vogliono bene con noi, sogniamo la chiesa, perché un Monastero senza chiesa è un corpo senza testa e lo sentiamo. Nella chiesa noi monache preghiamo notte e giorno, dalle 4 alle 20 per 7 volte al giorno, lodando il Signore, adorando, supplicando per questo nostro mondo un po’ disperso, un po’ disorientato. Nella nostra chiesa verranno i gruppi di giovani a cercare un momento di pace, una briciola di luce. Nella nostra chiesa, anche persone di passaggio entreranno per una sosta che ravvivi le loro forze spirituali, perché è vero che non di solo pane vive l’uomo, ma anche della Parola di Dio e della Sua presenza. E noi saremo le custodi di questa Presenza in un ambiente bello, semplice, essenziale, che dia a chi si avvicina la possibilità di un incontro con Chi di noi è troppo più grande! Poiché le nostre risorse sono scarse, i prezzi dei materiali nel Paese sono elevati e la chiesa vorremmo costruirla completa, dalle fondamenta al tetto, abbiamo nuovamente bussato alla porta di gente dal cuore generoso: il Gruppo Muratello a cui abbiamo chiesto aiuto per la costruzione. Loro, con generosità, metteranno a disposizione il loro tempo e le loro braccia per un opera che è di Dio prima che dell’uomo. Noi, con il nostro lavoro, risparmi e con l’aiuto di chi ci vuol bene provvederemo al materiale. Forse qualcuno si chiederà perché un Gruppo Missionario, dedito ad opere sociali accetta di aiutare a costruire una chiesa di un Monastero sperduto in cima ad una montagna, in mezzo a boschi e villaggi.

Io non so leggere nel loro cuore, ma posso dire il perché del nostro sogno: fin dai tempi antichi non esiste Monastero senza chiesa, senza luogo per la preghiera della Comunità e di chi si avvicina ad essa, e poi un Monastero, col suo Luogo privilegiato di preghiera ricorda il senso della vita e dà impulso e ragione ad ogni attività umana di solidarietà. Che Dio ci benedica e ci protegga tutti in questo nostro pellegrinaggio!

Md. Manuela

Articoli correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie tecnici da parte nostra. Non utilizziamo cookie di terze parti. INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi